Google+ Badge

mercoledì 24 settembre 2014

“Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargo”.

“Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargo”.

Questa è una delle molte frasi carine e divertenti che ho trovato leggendo L’ombra del Vento di Carlos Ruiz Zafón. La lettura di questo romanzo mi ha appassionata. Vi ho trovato numerosi spunti di riflessione. Lo stile è ricercato e, al tempo stesso, scorrevole.
438 pagine bruciate in pochi giorni, troppo pochi. Uno di quei libri a cui pensi anche quando cammini per la strada o sei impegnato in altre faccende. Ti domani come andrà a finire la vicenda narrata, anzi le due vicende parallele che si sviluppano tra un passato non del tutto trascorso e un presente non ancora completamente delineato.
Pagine che ci tengono compagnia per ore la notte con la voglia che i misteri siano svelati. Chiuderemo il libro solo quando le nostre palpebre saranno troppo pesanti e i nostri occhi troppo stanchi per continuare, ma con il desiderio che arrivi presto il momento in cui verremo nuovamente rapiti dall’intreccio.
E allora non permettiamo mai che i nostri cervelli vadano in letargo, ma leggiamo perché, mentre sfogliamo le pagine, le lettere morte riprendono vita e noi con loro.